Benefici e controindicazioni dell’avocado

Indice dei contenuti

benefici avocado

L’avocado, tra i vari frutti tropicali, è particolarmente apprezzato per le sue numerose proprietà benefiche. Conosciuto anche come Persea americana, consiste in una specie arborea da frutto appartenente alla famiglia delle Lauracee, che hanno origine in Messico e nell’America centrale.

Esistono tante varietà di avocado, che si distinguono per dimensione, colore, forma, buccia e gusto; in ogni caso, sono tutte accomunate da un alto contenuto di vitamine, minerali, fibre e antiossidanti, tutte elementi che mantengono in salute il cuore, aiutano a dimagrire e contribuiscono al miglioramento della fertilità sia maschile, che femminile.

Cosa contiene l’avocado

L’avocado è un frutto molto grasso, ma contiene grassi “buoni”, quelli monoinsaturi, che si rivelano grandi alleati del benessere del cuore. Inoltre, è ricco di acido oleico, lo stesso presente nell’olio di oliva, ma anche di vitamine e sali minerali. Ecco tutti i dettagli:

  • vitamina B9 (folati): l’avocado contiene tantissimo acido folico che, quotidianamente, partecipa alla normale funzione cellulare e alla crescita dei tessuti, oltre che essere fondamentale per le donne in gravidanza (e non solo);
  • vitamina K: molto importante per la corretta coagulazione del sangue e per la prevenzione di fragilità ossea e osteoporosi;
  • potassio: è un minerale essenziale che partecipa al controllo della pressione sanguigna, al mantenimento della salute cardiaca e allo scambio idro-salino a livello cellulare;
  • vitamina E: un potentissimo antiossidante, che protegge le cellule dalle tossine ambientali e contrasta la sterilità maschile;
  • vitamina C: altro valido antiossidante che svolge un ruolo fondamentale nelle funzioni immunitaria, nella salute di pelle e ossa e nell’assorbimento del ferro (prevenendo l’anemia);
  • carotenoidi: l’avocado ne contiene parecchi, come la luteina e la zeaxantina, entrambi molto importanti per la salute degli occhi e per combattere lo stress ossidativo.

A fronte di queste sue componenti, prevedere l’assunzione di avocado nella propria dieta alimentare è sicuramente un toccasana per l’intero organismo.

Avocado: proprietà e benefici per la salute

proprietà avocado

Dato il suo contenuto, l’avocado apporta un gran numero di benefici al corpo umano attraverso proprietà vantaggiose su più livelli:

  • benessere del cuore: consumare regolarmente avocado contribuisce alla riduzione del colesterolo cattivo e dei trigliceridi a favore del colesterolo buono, mantenendo il cuore in ottima salute;
  • perdita di peso: l’avocado non fa ingrassare, anzi, è in grado di far raggiungere velocemente il senso di sazietà e, di conseguenza, far perdere qualche chilo in eccesso;
  • salute femminile: grazie al suo alto contenuto di folati, l’avocado è molto amico delle donne, soprattutto quelle in gravidanza o in fase di allattamento, dato che promuove lo sviluppo di tessuti e di nuove cellule;
  • riduzione dell’artrite: l’avocado agisce come antinfiammatorio, grazie alla presenza di fitosteroli, carotenoidi, polifenoli, flavonoidi, vitamine C ed E, zinco, selenio e acidi grassi omega-3;
  • aumento della libido: considerato il frutto dell’amore e della fertilità, l’avocado contribuisce al miglioramento della fertilità maschile e femminile;
  • salute della vista: attraverso l’alto contenuto di antiossidanti, l’avocado protegge gli occhi dallo stress ossidativo, dalla cataratta e dalla degenerazione maculare;
  • bellezza della pelle: l’avocado è molto nutriente, il che lo rende indicato per donare sollievo alla pelle che si mostra particolarmente secca o sensibile.

Avocado e controindicazioni

Le proprietà benefiche dell’avocado non possono essere messe in dubbio ma, come tante altre cose, anche questo frutto tropicale può comportare delle controindicazioni, soprattutto se si esagera con le quantità assunte:

  • in gravidanza o allattamento potrebbe ridurre le produzione di latte e infiammare le ghiandole mammarie;
  • alcune varietà di avocado possono causare danni permanenti al fegato per via della presenza di anetolo ed estragolo;
  • può aumentare il numero di anticorpi lgE e, di conseguenza, provocare reazioni allergiche nelle persone intolleranti al lattice;
  • può comportare un assorbimento scorretto del colesterolo buono;
  • può interferire con alcune medicine, soprattutto gli antinfiammatori;
    può causare irritazioni gastrointestinali.

Per fortuna, evitare tutto questo è molto semplice: basta non esagerare con le quantità giornaliere di avocado, in modo da trarne solo ed esclusivamente gli straordinari benefici!

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Telegram
Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.